La Federazione rimane un’utopia – fine del sogno

Beh, non sempre i progetti si realizzano. Soprattutto quando si dovrebbe essere in tanti a perseguire un obiettivo. Il mio, riguardo ai Board Wargames, era quello di creare un organo sovranazionale che potesse coordinare tutti gli incontri e che avesse dietro tutti noi per aumentare il peso nei confronti di eventi e produttori. La famosa riunione della stanza 40 a Modena Play 2015 era stato un ottimo passo dopo almeno 20 anni di frammentazione. Avevo giusto cominciato a vedere l’alba di questo processo federativo in quell’occasione. A distanza di circa 6 mesi siamo qui ancora a parlarne e molti sono scettici sull’idea o non si pronunciano. Quando vedi intorno a te un crescente distacco e un mancato interesse, cominci a capire che quell’utopia rimarrà tale e pochi sono disposti a perdere un pochino della loro identità e a lavorare per un organo più grande. Casus Belli continuerà a supportare tutte le associazioni e tutti gli eventi e a lanciarne di propri, ma purtroppo quel sogno di avere una grande federazione sotto un’unica bandiera rimarrà appunto …….. un sogno.

Lascia un commento